lunedì 29 maggio 2017

Sommersi dai problemi?

Il politicante: "Se continuassimo a vedere problemi, il paese si intristisce.".

La mia risposta: una soluzione ci sarebbe, ...

risolvere i problemi.

la politichese sempre più mi sta sui maroni.

domenica 14 maggio 2017

No, a me non è piaciuto.

Sono un appassionato di ciclismo, non solo visto in tv ovviamente, ma ora sto vedendo la tappa. Prima dell'inizio della salita finale una caduta coinvolge una decina di corridori, fra i quali alcuni di prima classifica.

Un malaugurato contatto con una moto, ferma, della polizia. So che non s'usa, che le cadute accadono e che non ci si ferma per questo, ma questa volta avrei fatto un'eccezione ed avrei promosso un accordo di gruppo e rallentato per consentire il rientro, ma non è accaduto.

Siamo diversi.

lunedì 24 aprile 2017

Paura?


sono anche un ciclista o dovrei dire ero .. visto che da qualche tempo la mia bicicletta (da corsa) sta a prendere polvere.

Lo scorso anno, ad inizio stagiione, l'avevo rispolverata. L'intenzione era di riprendere. Un po' di movimento a pedale lo volevo fare.

Poi alla mia prima uscita breve, solo una trentina di chilometri giusto per riprendere il passo, ho rischiato più volte d'essere fatto cadere da autisti di camion che mi passavano ad un palmo o automobilisti che "non l'avevo vista" e l'ho rimessa a prender polvere.

Anche oggi leggo: "altri due ciclisti vengono travolti sulla strada: uno di loro è morto, l'altro ferito".

Troppa arroganza sulle strade, mancanza di rispetto delle regole e degli altri e troppo spesso debole controllo sul territorio (ma quanti vedo che guidano col telefonino in mano !!!),  e chi più paga il conto sono i più vulnerabili: pedoni, ciclisti e motociclisti.

Paura?

No, ma ... .  

domenica 9 aprile 2017

A volte.

quando il tempo è buono e la temperatura mite, a volte vado a leggere seduto su di una panchina in una zona boschiva del mio paesello ...

giovedì 16 marzo 2017

Ma sì, devo farcela per continuare a vivere.



Sole alla valle, sole alla collina,
per le campagne non c'è più nessuno.
Addio, addio amore,
io vado via
amara terra mia,
amara e bella.

Cieli infiniti e volti come pietra,
mani incallite ormai senza speranza.
Addio, addio amore,
io vado via
amara terra mia,
amara e bella.

Tra gli uliveti è nata già la luna
un bimbo piange,allatta un seno magro.
Addio, addio amore,
io vado via,
amara terra mia,
amara e bella



Ascolto in silenzio, come in questo momento; mi ha lasciato carico di tristezza e d'angoscia mentre cerco d'alzare lo sguardo alla ricerca di un futuro diverso, non per me che sono all'inizio dell'ultimo tratto del mio cammino, ma per loro, i figli. Ora non mi sento d'essere positivo, ottimista ad ogni costo; spero che questa malinconia e questa tristezza che mi ha fatto nascere l'ascolto di questa canzone, siano di passaggio e che vadano presto via.

Difficile per me non pensare al pianto di chi è costretto ad andare via dalla propria terra, al pianto dei padri e delle madri che vedono i propri figli andare via per poter vivere, chè qui non trovano lavoro e vita.

Ho un libro qui accanto a me, vorrei ora continuare la sua lettura, ma mi sembra non facile. Lo sguardo si perde nel vuoto, meglio uscire, due passi sui marciapiedi e sentieri del mio paesello, come vedo fare da tanti pensionati che non sanno come tirar sera. Che tristezza !  

Ma perchè ci son capitato ? perchè ho voluto ascoltarla ? non avrei dovuto.

domenica 26 febbraio 2017

Cambiare si può.

I compensi pagati dalla rai a certuni personaggi dell'intrattenimento popolare, a volte ritorna.

Ma dove sta il problema? ammesso che fosse possibile e davvero si volesse porvi un limite ( ho qualche dubbio ) basta chiacchiere, si passi ai fatti nel rispetto di norme e contratti in essere.

Chi non è d'accordo, scaduto il contratto ed in libero mercato, potrebbe sempre cambiare.

Rimpatri.

Spesso lo raccontano: "riportare gli irregolari, i non aventi diritto, nei paesi di origine", di fatto è impossibile o per lo meno poco frequente perchè - come si può leggere nei commenti della stampa - "ci sono resistenze da parte dei paesi d'origine a concedere il nulla osta al rimpatrio".

L'espulsione spesso si risolve in un ordine del questore di abbandonare il territorio nazionale entro sette giorni, ordine che quasi mai l'irregolare rispetta.