martedì 14 gennaio 2020

Il lavoro che non c'è.

ritieniti fortunato. Un lavoro l’hai, stabile e sicuro, almeno per ora.

Purtroppo ogni volta che apro il giornale non c’è notizia che non mi racconti di crisi aziendali che hanno sempre come conseguenza correlata il licenziamento di lavoratori o, se va bene, la cassa integrazione, finchè c’è.

Sì perché non si fa un’analisi sulla capacità di tanti dirigenti preposti allo sviluppo dell’azienda, che invece si rivelano incapaci di dare alla stessa una prospettiva a medio - lungo termine. E’ molto più facile mettersi in tasca ricchi premi per aver ridotto i costi, quali ad esempio il costo del lavoro licenziando. Ci sono tanti tagliatori, incapaci di fare altro, sì perché è più facile ottenere così risultati, a breve termine.

Gli anni son passati, tanti. Oggi, anzi, correggo, da anni prevale la logica del profitto finanziario; si guarda a garantire ricchi dividendi agli azionisti, altrimenti cadono teste … la loro.

E così chi se ne frega se una famiglia magari monoreddito crolla sotto la soglia della povertà e non sa come riuscirà a portare sul tavolo di che mangiare e vivere.

Senza un lavoro, senza un reddito, come fai a portare qualcosa a casa, in famiglia … ammesso che sia possibile oggi avere una famiglia. Senza dignità d’uomo.

Come fai a vivere, a pagare l’affitto (sempre più caro) o le rate di un mutuo, le bollette (sempre più “pesanti”; a proposito … sei pronto per il mercato libero ? ). Come riesci ad alzarti la mattina … ed uscire di casa senza pensare che la tua vita è finita ?

Ci penso, forse troppo, fermato dall’ansia e dalla paura, ... ma sono "salvo". E debbo stare attento e cercare con ossessiva insistenza quegli spazi di ottimismo e positività che, forse, ancora si possono trovare. Forse.

E mi sono rotto di gruppi e movimenti che san fare solo chiasso. Ne ho visti nascere e morire tanti senza alcun risultato e senza alcuna proposta che fosse stata in grado di cambiare e fermare il declino. Solo fumo e proclami di piazza, magari per guadagnarsi visibilità ed essere rincorsi per una candidatura alle prossime poltrone. Tanti, troppi incompetenti, ma visibili perché qui come in altro, ed è nostra colpa, a volte ( ? ) dimentichiamo di premiare il merito, ma non le bottiglie vuote ma visibili.

Sono fortunato, sono in discesa, varcata la soglia dell’anziano il mio futuro è là.

martedì 7 gennaio 2020

C'era una volta l'amore umano.

Ma quale futuro ci attende ? e perchè siamo così indifferenti e accondiscendenti verso un presunto scenario di come potrebbe essere la nostra vita fra qualche decennio ? qual è il confine tra realtà possibile ed assurda fantasia ?

Qualche giorno fa non ho letto un articolo su LaRepubblica ( .. C'era una volta l'amore umano ..). Non ho letto perchè in questo caso la mia attenzione s'è soffermata solo su un riquadro ed alcuni passaggi del testo che riporto:

"... con un clic ti porti a casa una sexy bambola, completa di voce, gesti erotici e misteriose emissioni liquide alla bisogna. ... ", " ... i robot saranno in tutto simili a noi umani al punto da essere indistinguibili ...".

No, non credo sia possible; come mi ha detto Anto, non si riuscirà ad avere umanità da un robot, ma i passi di avvicinamento all'irragionevole non si fermano.







giovedì 12 dicembre 2019

L'intolleranza

ed il mancato rispetto dell'altro corrono e non si arrestano, anzi si accendono sempre più.
Coloro che
  • alzano troppo la voce;
  • si sovrappongono con le loro parole ad altri che cercano di parlare, ostacolandoli ed impedendogli di parlare, pensando che così si possa apparire più forti;
  • insultano l'altro in pubblici confronti;
  • ...
Alcuni hanno una qualche responsabiltà, anche coloro che non intervengono con fermezza ad evitare o fermare inutili forzature pensando che questo fa percentuale di ascolti e quindi sia irrinunciabile. Non si vuole ascoltare l'altro, rispettando il tempo del suo dire.

Quale miglior palcoscenico da cui apprendere.

giovedì 31 ottobre 2019

Fca Psa.

Sono i giorni del "grande accordo" e leggo che "tutto il governo italiano segue con attenzione questa vicenda rispettoso di una trattativa di mercato" ed anch'io seguirò con l'attenzione del lettore che non ci siano futuri tagli di presunti doppioni produttivi con conseguenti riflessi poco positivi sull'occupazione, ma nel paese italia. Vedremo, fra qualche anno, cosa ci racconteranno i professionisti dell'informazione.

Nel contempo mi lascia alquanto perplesso leggere che si ipotizza anche una possibile distribuzione di un dividendo straordinario agli azionisti di Fca per 5,5 miliardi di €uro.

Aggiungo poi un'ultima annotazione: Fca diventa francese ?

... leggo che Carlos Tavares, già amministratore delegato e presidente del consiglio d'amministrazione del gruppo Psa, potrebbe essere nominato amministratore delegato della nuova società. E la sede legale sarebbe in olanda.

E quindi ?

... e mentre il paese italia sta alla finestra a guardare, il paese francia ( come già in altre occasioni, vedi la vicenda fincantieri ) presidia, preme ed interviene, anche perchè c'è dentro con una quota a capo di Bpi france, banca pubblica francese.
 

martedì 29 ottobre 2019

E' un mondo difficile ...

Da “La Stampa”, 29 Ottobre 2019. 

« Tenta di difendere il suo cagnolino dalle “attenzioni” di un pitbull, derisa e filmata
mentre chiede aiuto nell’indifferenza generale. Il video girato nel piazzale della stazione ferroviaria di Mondovì diffuso su facebook. »

« È una scena surreale. Che sta diventando virale anche per la strafottenza di chi lo ha filmato e l’indifferenza delle forze dell’ordine, in questo caso i vigili urbani di Mondovì, che hanno assistito all’episodio. Senza quasi intervenire.
La cornice: il piazzale della stazione ferroviaria cittadina. I protagonisti: due ragazzi proprietari di un cane di grossa taglia, forse un pitbull, e una signora che porta a spasso il suo cagnolino.
Nel tentativo di difenderlo dalle attenzioni del cane dei due giovani, la donna perde la gonna e parte della biancheria.
Chiede ripetutamente aiuto sollecitando l’intervento di una pattuglia dei vigili che è nelle vicinanze. L’auto della Municipale arriva, ma i due vigili restano a bordo ad assistere alla scena. Solo allora la signora, sbeffeggiata dalle risate che riecheggiano nella ripresa video dei ragazzi, sale di sua iniziativa sull’auto, sul sedile posteriore, tenendo in braccio il suo cane. Entrambi salvi. ».