giovedì 15 marzo 2012

Vita in condominio: per un faretto.

" ... Un condominio installa un faro da 250 watt per illuminare l' ingresso di notte. La luce, però, raggiunge il palazzo di fronte e da una finestra al quinto piano entra in una camera da letto. Dopo aver chiesto inutilmente di spegnere la luce, il proprietario dell' appartamento «invaso» si rivolge al giudice citando in giudizio il condominio ..." Corriere della sera, 21 febbraio 2012


Si fa presto a scrivere con facile ironia: " ... può la giustizia ancora permettersi il lusso di perdere tempo e accumulare scartoffie per stabilire se sia meglio spegnere un faro o spostare un letto ? ... " come ha fatto il giornalista Giuseppe Guastella sul Corriere della sera di qualche giorno fa'.

No la giustizia, se intesa come il coinvolgimento dei tribunali, non può e bene è che oggi ci sia, anche per le liti di condominio, l'obbligo della conciliazione. Senza dimenticare che la durata secolare dei processi in italia ha cause molteplici ed a tutti note.

Ma tal giornalista avrebbe dovuto porre la questione in altro modo e, soprattutto, avrebbe dovuto chiedersi quale sarebbe stata la sua reazione se ad essere privato del diritto a dormire fosse stato lui e quindi valutare il fatto in modo più completo.

Spesso tante liti condominiali sono provocate dall'arroganza di chi, nel porre in atto un'azione od un comportamento, pensa prevalentemente - se non esclusivamente - ai propri comodi personali.

Esempi? tanti.

Il cane
Certo, tutti direbbero: ma che male c'è, che disturbo darebbe un cagnolino. Allora, a questi, dico: è possibile che sia tenuto in appartamento, magari solo per tutta la giornata perchè si è fuori casa per lavoro? è possibile che si lamenti abbaiando? è possibile che lo faccia anche di notte? Risposta: sì. Ed allora ecco come sia semplice che a volte la sopportazione del vicino che non riesce a prender sonno si tramuta in lite.
Perchè non pensarci prima? perchè non valutare se possa insorgere qualche problema con i vicini? Si eviterebbe una lite certa.

Semplice, no?

No, al contrario, molto difficoltoso arrivarci ... quando il danno od il disturbo non riguarda se stessi e ricade sugli altri.

Poi ci sono gli eccessi che portano ad epiloghi come la strage di Erba.

13 commenti:

  1. Ma sai che le riunioni di condominio sono state inserite tra gli eventi più stressanti al pari di divorzi e lutti in famiglia? E, quando penso alle riunioni di condominio, mi capisco cosa acce nelle riunioni dei parlamentari...

    RispondiElimina
  2. ...e le liti tra condomini non rappresentano solo il numero forse più alto delle cause civili, ma anche uno dei motivi scatenanti i troppo frequenti casi di raptus omicidi.
    Per quanto riguarda il MIO condominio...lasciamo perdere va', che è meglio ;)

    RispondiElimina
  3. @happysummer, @Sontyna
    Ecco perchè l'avvicinarsi del MIO turno all'assemblea di condominio mi cresce in modo esponenziale il disagio, l'ansia e la voglia di non partecipare. Poi però ci vado perchè alla fine mi rispondo: "se vuoi partecipare alle scelte, alle decisioni, se vuoi provare a portare la tua opinione, non devi nasconderti o delegare devi esserci".
    Tanto ogni giorno, al risveglio, entro in battaglia ... una più una meno, meglio provare a combattere che rinunciare.

    RispondiElimina
  4. hai ragione quando parli di " prima io e poi il resto" ( ma solo fino a quando non lo si tocca).. l'aducazione e il rispetto non si sa più che tipo di optional siano diventati..
    per quanto riguarda i cani, ti posso dire, che sto facendo una battaglia contro chi li porta a spasso davanti alle altre case e non raccolgono le loro cacche.. sporcano altrove e le loro case sono pulite.. e guai a farglielo notare che esistono i sacchetti e una ordinanza comunale.. bè sai la cosa più clamorosa? sono stata minacciata perchè non essendo in città li possono far ( bisognare) dove gli pare.
    sono stata dai vigili comunali.. la tipa non è più passata davanti a casa mia.. e le sue minacce se le sarà ingoiate tutte.. non ti invidio sai.. ti invidio solo per ilprezzo della benzina che riesci a trovare ancora a un prezzo decente.. mannaggia..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema delle cacche dei cani .. sorrido (a volte penso che certi resti siano di cavalli ... anzichè di un cane). Sorrido perchè anche da me il Comune ha emesso da tempo un'ordinanza, ma il problema non è affiggere un pezzo di carta [che nessuno legge e rispetta], ma mettere in atto il controllo sui trasgressori. E, come leggo dal tuo commento, anche da te è un'impresa impossibile (anche se tu un risultato l'hai però ottenuto: brava!). Non rispettano neppure l'area giochi dei bambini.

      Educazione? rispetto? senso civico? mi dici cosa sono? :-))
      [ore 23.47]

      Elimina
  5. Educazione, rispetto, senso civico... Cosa sono, costoro?... L'arroganza è sempre più imperante, la persona educata rischia di essere considerata scema :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. già, cosa sono? siamo seduti su di una tavola impregnata d'olio e scivoliamo senza poterci fermare? sembra di sì.

      Elimina
  6. La gente diventa sempre più arrogante e non capisce i bisogni dei vicini!! Un faretto da 250 watt mi sembra un pò esagerato,cosa dovevano illuminare un porto di mare?

    RispondiElimina
  7. Avete perfettamente ragione: i valori che menzionate sembrano ormai in disuso e chi ancora ci crede rischia di rimanere schiacciato dalla maleducazione degli altri. Ma mai perdersi d'animo; io ci crederò sempre a costo di passare per fessa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Almeno si prova, ma è dura [h.17.11].

      Elimina
  8. Ciao Renato, molto difficile la convivenza, ognuno vede il diffetto d'altrui, mentre il suo ignora, ..
    un caro saluto
    grazie alla tua visita!
    Buon inizio settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche questo è vero. Rimane però il fatto che la riunione di condominio è una palestra dove tutti scaricamno le proprie frustrazioni, ripicche e arroganze. Non c'è rimedio, serve andare armati.
      Ciao [h. 17.14]

      Elimina
  9. "No, al contrario, molto difficoltoso arrivarci ... quando il danno od il disturbo non riguarda se stessi e ricade sugli altri."

    questa tua frase, cambiata un po', ma lasciando poi lo stesso senso è applicabile anche a molto altro. Purtroppo, sappiamo, spesso, comprendere solo quello che ci riguarda e appartiene, l'empatia ormai è sempre più una parola vuota.

    RispondiElimina